Cataloghi
Configuratore
Cerca
Catalogo
Goldene aepfel x mas stories wittmann
scroll down

Il tem­po di Natale è tem­po di let­tura: Delle mele d’oro del­la Sig­no­ra Felic­ità”

Vi accompagniamo nel periodo prenatalizio con quattro storie del narratore austriaco Helmut Wittmann e vi auguriamo una buona lettura!

Delle mele d'oro della Signora Felicità

Una fiaba alpina, appena raccontata da Helmut Wittmann.

Molto, molto tempo fa, può essere ieri o oggi, viveva una vecchia donna. Aveva un giardino magnifico. Tutto sbocciato e fiorito, ed era una gioia. Il suo orgoglio e la sua gioia era il suo albero di mele. In primavera era ricoperto di fiori. In autunno, tuttavia, i suoi rami si piegavano sotto l'abbondanza di mele. Erano splendide da vedere e ancora più buone da mangiare. Così la donna era felice, molto felice. E poiché si vedeva che era felice, la gente del villaggio la chiamava semplicemente "Signora Felicità".

Solo una cosa infastidiva la Signora Felicità: ogni volta che il suo albero di mele era ricco di frutti in autunno, la gente del villaggio veniva a saccheggiarlo. Di notte e nella nebbia, i bambini, ma anche gli uomini e le donne, coglievano le mele più belle dall'albero - senza chiederle. La Signora Felicità ne fu terribilmente infastidita. "Non è possibile", mi rimproverò, "chiunque può venire a chiedere il permesso di raccogliere le mele. Ce ne sono abbastanza per tutti. Ma rubare e basta, non è corretto".

Una volta, in inverno, un venditore ambulante bussò alla porta della Signora Felicità. "Vi prego, buona donna", disse, "ho un freddo cane. Posso scaldarmi un po' in casa vostra?".

Entrate, disse la Signora Felicità. "Non ho molto. Ma c'è sempre un posto sulla panchina della stufa".

L'uomo si mise comodo nell'angolo della stufa e la Signora Felicità gli offrì del tè caldo e del pan di zenzero.

Quando se ne andò, l'ambulante le disse: "Avete un buon cuore, donna. E voglio che lo sappiate: Posso fare più di quanto pensiate. Ditemi cosa desiderati. Il vostro desiderio si avvererà".

In realtà non mi manca nulla, disse la Signora Felicità, "mi dà solo fastidio che la gente del villaggio rubi sempre le mele dal mio albero. Ecco perché vorrei che chi cogliesse una mela rimanesse attaccato all'albero. Non voglio che si liberi finché non lo desidero io".

Beh, disse l'uomo, "il desiderio è strano, ma così sia".

Un attimo dopo era sparito.

L'anno è passato. Quando arrivò l'autunno, il melo portò frutti in abbondanza alla Signora Felicità. I rami si piegavano verso il suolo. Erano così carichi di mele.

E presto le prime persone del villaggio si misero a cogliere dall'albero: bambini, donne e uomini.

Come osi cercare di rubare le mie mele?, rimproverò la Signora Felicità. "La decenza vuole che tu chieda almeno se puoi avere una mela!

Lasciò che le persone si attaccassero all'albero per un po' di dempo. Solo dopo fu permesso loro di tornare a casa, con vergogna e disonore. Ma a tutti coloro che si recavano da lei e chiedevano una mela, la Signora Felicità dava mele in abbondanza. "Prendetele e basta", disse, "vedete: ce n'è abbastanza per tutti".

Non c'è da stupirsi che non le siano state rubate altre mele! Tutti i problemi erano finiti.

Ancora una volta qualcuno bussa alla porta della Signora Felicità. Aprì la porta. E chi c'era lì? La morte!

Buona donna, le disse, "hai vissuto a lungo e bene. Ora è il momento di dire addio a questo mondo. Vieni con noi!"

Aspettate un po', disse la Signora Felicità. "Arrivate del tutto inaspettati. E ora tutto deve accadere così rapidamente? - Prima devo sistemare le mie cose e preparare la valigia. Nel frattempo, uscite in giardino. Il mio albero è pieno di mele succosissime. Scommetto che è da molto tempo che non mangiate una di queste".

La morte era ancora un uomo bello e affascinante a quei tempi. Gli venne l'acquolina in bocca al pensiero di una mela succosa.

Va bene, disse, "mi prendo una mela. Ma assicurati di mettere presto insieme le tue cose".

La Signora Felicità si prese il suo tempo. Poi uscì con calma in giardino. E chi stava cogliendo dal melo? La morte!

Ah, vecchio tiranno!, disse la Signora Felicità. "Alla fine ti ho preso. Non scenderai da lassù tanto presto. "

Tutti gli scongiuri e le suppliche non sono serviti a nulla per la Morte. Si attaccò al melo e non riuscì a liberarsi. Per settimane e mesi rimase bloccato tra i rami, tra vento e intemperie, tra caldo e freddo. La fame e la sete lo rendevano molto magro. Infine, non era altro che uno scheletro.

Nel frattempo, il mondo andava in tilt. La gente si sdraiava per morire, ma non moriva. Nessuna morte li ha raccolti e portati all'altro mondo. Così hanno continuato a vivere. Anche chi ha avuto un incidente o è stato investito, ad esempio, si è rialzato e ha continuato a vivere.

In cielo, San Pietro si stupì che nessuno bussasse più alle porte del paradiso. Anche il diavolo all'inferno rifletteva: "È possibile che all'improvviso tutti siano così senza peccato da andare in paradiso?". Perché nessuno è stato più portato all'inferno. Infine, il diavolo andò a vedere. È così che ha incontrato San Pietro sulla terra.

Ormai non mi sorprende più nulla!, disse il diavolo. "Nessuno viene più da noi, perché voi stessi raccogliete subito le persone e le portate in cielo!".

No, disse San Pietro, "nessuno viene da noi. Ho già creduto che tutti fossero all'inferno con te. - Dimmi, sai dov'è la morte?". - "No!"

Così i due si mettono alla ricerca della morte. Dovettero cercare a lungo. E dove la trovarono: nel melo della Signora Felicità!

La morte aveva voglia di piangere e così raccontò loro tutta la storia.

Tutto questo è giusto, disse San Pietro alla Signora Felicità, "ma non si può fare così!".

Sì, disse il diavolo. "Donna, state sconvolgendo l'intero tessuto del mondo! Liberate subito la morte!".

Questo deve essere ben ponderato, disse la Signora Felicità, "se la rilascio, allora solo a una condizione: Non deve venire a cercarmi finché non la chiamo. Non prima".

Cos'altro potrebbe fare la Morte! Non era nemmeno più pelle, ma solo ossa. Così accettò. E San Pietro disse: "Beh, credo che una donna anziana in più o in meno non abbia importanza". Anche il diavolo era d'accordo con lui.

Da allora, però, la morte è stata così scarna: solo uno scheletro. La Signora Felicità, invece, è ancora viva oggi. Molti parlano di lei e anche delle sue mele. Si dice che donino l'eterna giovinezza. E un po' di questa eterna giovinezza è probabilmente in ogni mela.

Informazioni su Helmut Wittmann:
Helmut Wittmann è un narratore austriaco specializzato in racconti popolari e magici alpini. Si occupa anche delle tradizioni di racconti dell'Oriente europeo e della tradizione orientale Sufi. Nel 2003 ha ricevuto il "German Folktale Prize", nel 2008 il premio autore di Lesetopia, la più grande fiera della lettura in Austria. Su sua richiesta, lo storytelling in Austria è stato inserito dall'UNESCO nella lista del patrimonio culturale immateriale.

www.maerchenerzaehler.at

Altre storie:

La benedizione della Befana
San Nicola ha un desiderio

Del miracolo della Notte Santa
(online dal 17.12.)

Kategorie Novità
RIKA

RIKA

Modulo

Trattiamo i vostri dati in modo confidenziale e con la massima attenzione. Inviando questo modulo, accettate il regolamento di base sulla protezione dei dati e il trasferimento dei vostri dati personali ai nostri rivenditori RIKA.

Il tuo messaggio è stato inviato con successo. Ti risponderemo al più presto.
Sfortunatamente, la trasmissione della tua richiesta non ha funzionato. Per favore riprova.