Cataloghi
Configuratore
Cerca
Catalogo
Goldener stoff x mas stories wittmann
scroll down

Il tem­po di Natale è tem­po di let­tura: San Nico­la ha un deside­rio”

Vi accompagniamo nel periodo prenatalizio con quattro storie del narratore austriaco Helmut Wittmann e vi auguriamo una buona lettura!

San Nicola ha un desiderio

Raccontato dal narratore Helmut Wittmann

Ci sono molte leggende su San Nicola. Spesso ci sorprendono con la loro saggezza senza peli sulla lingua. La sua leggenda è qui è racchiusa in una barzelletta dal cuore.

C'era una volta San Nicola che arrivò in una città di sera con il suo asino. Faceva freddo. Il vento spingeva la neve sul terreno. Naturalmente, il santo uomo non indossava i suoi paramenti episcopali, ma solo l'abito di un semplice viaggiatore. Era congelato, stanco, esausto, bagnato e sporco per le pozzanghere che avevano trasformato la strada in una pista piena di fango.

Si fermò davanti a una grande casa e bussò al portone. Ovviamente qui risiedevano persone ricche.

Il padrone di casa stava per andare a letto. Aprì lui stesso il portone. "Che cosa vuoi a quest'ora della notte, vecchio?", urlò a San Nicola.

Hai ragione: è tardi!, disse San Nicola. "Quindi vi chiedo un alloggio per la notte". - "Guardate in che stato siete", rimproverò il padrone di casa, "non c'è posto in casa nostra per tanta sporcizia! - È meglio che andiate dal vicino. Ha un cuore per le persone come voi. Sono sicuro che troverete un posto lì".

E il portone fu chiuso di nuovo. San Nicola sentì girare la chiave serrare il catenaccio. Va bene, così passò alla casa successiva.

Anche questo era un grande edificio. Ma aveva un aspetto malandato. Questa era la casa della donna di cui aveva parlato il ricco. Anni fa, aveva avuto una bella vita con il marito e i figli. Erano conosciuti in tutta la città per la loro ricchezza, ma anche per la loro generosità. Nessuno ha bussato al portone della loro casa per niente. Vivevano bene e donavano volentieri.

Ma poi il marito morì. La donna non aveva idea della sua attività, eppure ora doveva provvedere da sola a se stessa e ai figli. Sapeva cucire - e come! L'intera città sapeva quanto fosse abile e capace con ago e filo. Con questo, ha aiutato se stessa e i bambini a superare la vita. Ma non si parlava più di prosperità.

Così, quella sera, San Nicola bussò alla sua porta. La donna aprì la porta e vide un vecchio esausto, evidentemente sfinito dal viaggio.

Entra, nonno, disse, "morirai stando lì bagnato fradicio con questo tempo!".

Per l'asino fu trovato un buon posto nella stalla. San Nicola è stato intrattenuto nel salotto. "Non abbiamo molto", disse la donna, "ma abbiamo sempre una zuppa calda e un posto caldo per dormire vicino alla stufa!".

San Nicola apprezzò la zuppa. Spezzò con gratitudine il pane che lei aveva preparato per lui. Lentamente sentì che si riscaldava di nuovo dall'interno. Poi ci furono molte domande: dove stava andando e cosa stava facendo? San Nicola raccontò molte cose. Ma la donna non scoprì con chi avesse realmente a che fare.

Al mattino, lei gli preparò del tè caldo. Gli diede pane, burro e miele per accompagnarlo.

Ti ringrazio!, disse San Nicola mentre ripartiva, "Per tutto quello che hai fatto per me, voglio darti una piccola cosa". - "No, no, no!" lo rimbrottò la donna, "Era una cosa ovvia! - Chi lascerebbe un uomo come te in piedi per strada di notte con questo tempo e questo freddo! Inoltre, non c'era molto che potessi darti. Quindi tenete quello che avete. Sono sicuro che anche tu saprai farne buon uso". - "Non preoccuparti", disse San Nicola, "quello che ti darò non mi renderà più povero, ma potrà aiutare te e i tuoi figli a essere felici".

Ora la donna era curiosa. "Ascolta", disse Babbo Natale, "sto per esprimere un desiderio. Si avvererà sicuramente. Quello che fai come prima cosa al mattino, è quello che farai per tutto il giorno!".

Strano, pensò la donna, "cosa farà questo per la mia felicità?".

San Nicola andò avanti. Ma la donna aveva molto da fare. Un ricco mercante venne a portarle un tessuto prezioso.

Vi supplico, cucitemi un abito da festa, disse. "Il filo è d'oro. Quanto più accuratamente lavorerete, tanto maggiore sarà la vostra ricompensa. Se ricamerete finemente anche la veste, allora il filato rimasto sarà vostro!".

Un lavoro del genere era assolutamente di gusto per la donna. Qui poteva davvero dimostrare le sue capacità, e il salario era buono. La sera, quando i bambini già dormivano, preparò tutto.

Il giorno successivo si mise al lavoro di prima mattina, subito dopo essersi alzata. I bambini stavano ancora dormendo. Sapeva che ora avrebbe fatto buoni progressi con il cucito. La prima cosa da fare era misurare il filo d'oro dal fuso. Così prese in mano il filato e lo misurò. Misurò e misurò ancora. Stranamente, il filo non voleva finire. Continuà: misurò e misurò ancora. Il fuso girava e c'era ancora del filo sopra il filo. Improvvisamente si ricordò di ciò che il vecchio aveva detto il giorno prima: "Ciò che fai come prima cosa al mattino, lo farai per tutto il giorno".

E così fu: misurò il filo d'oro per tutto il giorno. Verso sera, l'intera camera ne era piena. Cucì e ricamò il prezioso indumento nel modo più raffinato. Tanto grande era la sua gioia per l'abbondanza di filo. Sì, non importa quanto finemente lavorasse e quanto cucisse. Le è bastata una frazione del filo. Il resto è rimasto per lei e per i bambini. Era la fine della povertà. Erano di nuovo persone ricche e potevano vivere una vita di prosperità.

Ben presto anche il ricco vicino se ne accorse. "Ora ditemi, come fate ad avere tutti questi soldi?", chiese loro senza mezzi termini.

Non ci crederà, mio caro vicino, ma è successo in modo del tutto miracoloso, disse. Gli raccontò del vecchio con cui aveva trascorso la notte e della sua benedizione: "Ciò che fai come prima cosa al mattino, lo farai per tutto il giorno! Così era arrivata a montagne di filo d'oro.

A questo punto, al ricco vicino si accese una luce: Si trattava ovviamente dello strano vecchio. Quello che aveva bussato al suo portone. "E io, lo sciocco, l'ho allontanato", disse a se stesso. "Che stupidità!"

Nello stesso momento, però, gli venne in mente come poter rimediare: "Caro vicino, ho una richiesta!", disse. "Mi è capitato un errore che mi fa arrabbiare profondamente. Ho allontanato il vecchio dalla porta. Se dovesse tornare da voi, vi prego di mandarlo da me. Voglio fare ammenda per quello che è successo lì". - "Con piacere, caro vicino!" rise la vicina, "il vecchio sarà contento!".

Il tempo passò e nel corso dell'anno San Nicola si presentò davvero di nuovo al portone della donna. "Nonno, come sono felice di rivederti", disse, "non so come ringraziarti. La felicità e la prosperità sono tornate a noi grazie a voi. Grazie mille per quello che avete fatto per noi".

San Nicola si mise a ridere e la salutò.

Mi piacerebbe invitarvi ad entrare, continuò la donna, "ma il mio vicino pensa di dovervi un favore. Quindi sarebbe molto contento se questa volta foste suoi ospiti".

Volentieri, volentieri, volentieri! rise San Nicola. Augurò alla donna una buona e lunga vita, la benedisse e andò a casa del vicino.

Quando il vicino aprì il portone, si arrabbiò e volle scacciare il mendicante. Si chiese: "Perché queste figure strappate vengono sempre da noi? - Ma un attimo dopo riconobbe l'uomo che aveva evidentemente portato prosperità alla sua vicina. Tutto cambiò immediatamente: "Che gioia!" esclamò il vicino. "Mi dispiace molto che tu mi abbia fatto partire con il piede sbagliato all'epoca. Ti prego, lascia che mi faccia perdonare: Entra, mio caro amico, e sii nostro ospite!".

San Nicola accettò con piacere l'invito.

Ora è stato intrattenuto al meglio delle sue possibilità. Per prima cosa i servitori dovettero preparargli un bagno caldo. Poi gli furono date nuove vesti. Infine, si sedettero davanti alla tavola riccamente imbandita. Il tavolo si piegò sotto tutte le prelibatezze che bollivano nelle ciotole, profumavano nei piatti e brillavano nei bicchieri. In seguito, ci fu grappa per la digestione e una brocca d'acqua condivisa per il benessere. Non mancava davvero nulla. Per San Nicola fu preparato un letto a baldacchino per la notte. Le lenzuola di seta attendevano le sue ossa stanche.

Al mattino, la servitù lo portò alla tavola della colazione riccamente imbandita. Il signore dei mercanti si assicurò personalmente che il suo ospite non si perdesse nessuna delle prelibatezze offerte.

Spero che questa volta siamo riusciti a farti dimenticare le difficoltà di quel periodo, disse infine.

Sì, disse San Nicola, "raramente mi sono divertito come con lei, signore. Non ho molto, ma in segno di gratitudine vorrei ricambiare la vostra abbondante ospitalità con un desiderio: Quello che farete come prima cosa al mattino, lo farete per tutto il giorno di domani!".

Il ricco mercante accompagnò il suo ospite al cancello. Non appena San Nicola fu fuori dalla porta, pensò: cosa fare come prima cosa al mattino?

Deve essere qualcosa che mi porterà davvero una ricchezza incommensurabile, si disse. Ci pensò a lungo e alla fine gli fu tutto chiaro: sotto la casa c'erano delle grandi cantine. Lì contava l'oro, e anche grossi ducati d'oro. Così la sera avrebbe avuto un enorme tesoro d'oro. Ma la cosa migliore era che nessuno ne avrebbe saputo nulla!

Il ricco mercante non riuscì a dormire per tutta la notte a causa dell'eccitazione. Al mattino scese in cantina. Alcuni grossi ducati d'oro giacevano già lì. Sulle scale della cantina, tuttavia, lo colpì un'improvvisa consapevolezza: cosa sarebbe successo se avesse dovuto andare in bagno mentre contava l'oro? Nel tempo trascorso lì, avrebbe perso una piccola fortuna! Che bene aveva fatto a pensarci.

Si affrettò a raggiungere il bagno. Si sedette rapidamente su di esso. Il tempo era denaro, nel senso più vero e costoso del termine. Stava già facendo ciò che doveva essere fatto. In un attimo volle saltare di nuovo in piedi e scendere in cantina. Ma che cos'era? Non c'era fine al bisogno. Ha dovuto farlo ancora e ancora e ancora...

Infine, trascorse l'intera giornata in bagno. Il mercante era in preda alla rabbia, ma cos'altro poteva fare?

La sera la sofferenza era finalmente finita. Aveva ... . No, non lo scriveremo. Perché tutti sanno di cosa si tratta.

Non c'era ricchezza in cantina. Come si può essere così stupidi? Era arrabbiato con il mondo e soprattutto con se stesso.

La vicina, invece, ebbe una vita di prosperità con la benedizione di San Nicola. Visse a lungo ed in salute con i suoi figli. Erano anche felici - e se non sono morti, probabilmente sono ancora vivi oggi.

Informazioni su Helmut Wittmann:
Helmut Wittmann è un narratore austriaco specializzato in racconti popolari e magici alpini. Si occupa anche delle tradizioni di racconti dell'Oriente europeo e della tradizione orientale Sufi. Nel 2003 ha ricevuto il "German Folktale Prize", nel 2008 il premio autore di Lesetopia, la più grande fiera della lettura in Austria. Su sua richiesta, lo storytelling in Austria è stato inserito dall'UNESCO nella lista del patrimonio culturale immateriale.

www.maerchenerzaehler.at

Altre storie:

La benedizione della Befana
Delle mele d'oro della Signora Felicità (online dal 10.12.)
Del miracolo della Notte Santa (online dal 17.12.)

Kategorie Novità
RIKA

RIKA

Modulo

Facendo clic su "Invia richiesta" acconsentite alla memorizzazione dei vostri dati di contatto e alla loro elaborazione in conformità con la nostra Informativa sulla privacy.

Il tuo messaggio è stato inviato con successo. Ti risponderemo al più presto.
Sfortunatamente, la trasmissione della tua richiesta non ha funzionato. Per favore riprova.